randstad logo

Fisioterapista - IPAV

termine
tipo di contratto
Tempo Indeterminato

dettagli offerta

termine
luogo di lavoro
Venezia (VE)
tipo di contratto
Tempo Indeterminato
riferimento
RAND187
scarica i documenti


BANDO DI CONCORSO PER TITOLI ED ESAMI 

PER LA COPERTURA DI

 N. 12 POSTI DI FISIOTERAPISTA

A TEMPO PIENO E INDETERMINATO

(CAT. D)

CON RISERVA DEL 50 % DEI POSTI AL PERSONALE INTERNO IN POSSESSO DEI TITOLI RICHIESTI PER ACCEDERE DALL’ESTERNO E N. 2 POSTI IN FAVORE DEI MILITARI VOLONTARI CONGEDATI

In esecuzione della deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 99V. del 29/12/2020, che ha approvato il piano triennale del fabbisogno di personale di I.P.A.V., è indetto il Concorso Pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di n. 12 posti a tempo pieno e indeterminato di Fisioterapista - cat. giuridica D, per l’inserimento nei Centri Servizi dell’Ente.
Il presente concorso è disciplinato dalle norme di cui ai DD.PP.RR. n. 487/1994, n. 445/2000, al D.Lgs. n. 82/2005, al D.Lgs. n. 165/2001, al D.Lgs. n. 150/2009, nonché dal “Regolamento sulla disciplina dei concorsi, dell'accesso agli impieghi e delle procedure selettive”, approvato con Delibera n. 62V. del 29/10/2020.
L’espletamento del presente concorso è subordinato all’esito negativo della procedura di mobilità volontaria, attivata ai sensi dell’art. 34-bis del D.Lgs. n. 165/2001.
Ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. n. 165/2001, è garantita parità e pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro e il trattamento economico sul lavoro.
All’assunzione suddetta è attribuito il trattamento economico, a cui si aggiunge la tredicesima mensilità, previsto per la Categoria D, posizione economica D1, del CCNL Funzione Locali, ovvero:
  1. stipendio iniziale annuo di € 22.135,44 = al lordo delle ritenute di legge;
  2. indennità di comparto annuo di € 622,80 = al lordo delle ritenute di legge;
  3. elemento perequativo annuo di € 228,00 = al lordo delle ritenute di legge;
  4. assegni familiari, se dovuti;
  5. eventuali emolumenti previsti da leggi e accordi di lavoro.
Tutti gli emolumenti sono sottoposti alle trattenute erariali, previdenziali e assistenziali a norma di legge. Il trattamento giuridico ed economico è regolato dal vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del personale non dirigente del Comparto Funzioni Locali.

Riserva di posti
È previsto l’istituto della riserva dei posti nelle assunzioni in favore dei militari volontari congedati, come definito dagli artt. 1014 e 678 del D.lgs. n. 66/2010 (Codice Ordinamento Militare - COM) e successive modificazioni/integrazioni, che recepisce il D.lgs. n. 215/2001 all’art. 18.
Il D.lgs. n. 8 del 28.01.2014, ha previsto, all’art.11, la conferma della quota di riserva del 30% per le PP.AA. in generale e che il comma 4 del citato articolo 1014 COM prevede che, se le riserve non possono operare integralmente o parzialmente perché danno luogo a frazioni di posto, tali frazioni si cumulano con le riserve relative ai successivi concorsi per l'assunzione di personale non dirigente, banditi dalla medesima amministrazione.
Per quanto sopra è prevista la riserva di n. 2 posti a favore dei militari volontari congedati, ex artt. 1014 e 678 del D.Lgs. 66/2010.
È previsto inoltre l’istituto della riserva del 50% dei posti a favore del personale interno di ruolo in possesso dei titoli richiesti per l’accesso dall’esterno, ai sensi dell’art. 52, comma 1 bis del D.Lgs. n. 165/2001, pari quindi a n. 6 posti. 

Requisiti generali per l'ammissione
Per l'ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:
a) cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti o cittadinanza di uno dei Paesi dell'Unione Europea.
Ai sensi dell'art. 38 del D.Lgs. n. 165/2001 e dell'art. 25, comma 2, del D.Lgs. n. 251/2007, così come modificati dall'art. 7 della L. n. 97/2013, possono altresì partecipare al concorso:
a1) i familiari dei cittadini indicati alla lettera a) non aventi la cittadinanza italiana o la cittadinanza di uno degli Stati membri dell'Unione Europea, che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente. Per la definizione di familiare, si rinvia all'art. 2 della direttiva comunitaria n. 2004/38/CE;
a2) i cittadini di Paesi Terzi titolari di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria.
I cittadini stranieri devono essere in possesso dei diritti civili e politici anche negli stati di appartenenza o di provenienza e avere un’adeguata conoscenza della lingua italiana, che verrà accertata dalla commissione esaminatrice, contestualmente alla valutazione delle prove d’esame (D.P.C.M. 7.2.1994 n. 174);
I candidati che si trovano in una delle situazioni di cui ai punti a1) e a2) dovranno allegare, a pena di esclusione, nella procedura on-line, seguendo le istruzioni riportate nella sezione “Concorsi”, idonea documentazione comprovante i requisiti di cui ai predetti punti a1) e a2);
b) idoneità, piena e incondizionata, alle mansioni specifiche del profilo professionale. L'accertamento di tale requisito, con l'osservanza delle norme in tema di categorie protette, è effettuato a cura di I.P.A.V., attraverso la visita medica preassuntiva prima dell'immissione in servizio, ai sensi dell’art. 41, comma 2, del D.Lgs. n. 81/2008, modificato dall’art. 26 del D.Lgs. n. 106/2009;
c) età inferiore a quello previsto dall’ordinamento vigente per il collocamento a riposo d’ufficio;
d) posizione nei riguardi degli obblighi militari, per i soli candidati di sesso maschile;
e) non aver riportato condanne penali e non essere stati interdetti o sottoposti a misure che escludono, secondo le leggi vigenti, dalla nomina agli impieghi pubblici;
f) non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo e non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego o dichiarati decaduti dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione; i cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea dovranno altresì godere dei diritti civili e politici negli Stati di appartenenza o provenienza.

Requisiti specifici per l'ammissione
Inoltre, è richiesto il possesso di:
1. uno dei seguenti titoli di studio: 
a) Laurea in Fisioterapia abilitante alla professione sanitaria di fisioterapista – classe delle lauree in professioni sanitarie della riabilitazione L/SNT2 di cui al D.I. 19.02.2009; 
b) ovvero diploma universitario di Fisioterapista di cui al D.M. del Ministro della Sanità 14.09.1994, n. 741; 
c) ovvero diplomi e attestati conseguiti in base al precedente ordinamento riconosciuti equipollenti, ai sensi delle vigenti disposizioni, al Diploma universitario, ai fini dell’esercizio dell’attività professionale e dell’accesso ai pubblici concorsi (D.M. 27.07.2000); 
2. Iscrizione al relativo Albo Professionale; l’iscrizione al corrispondente albo professionale di uno dei Paesi dell’Unione Europea consente la partecipazione al concorso pubblico, fermo restando l’obbligo dell’iscrizione all’albo in Italia prima dell’assunzione in servizio.

I candidati in possesso del titolo di studio conseguito all’estero devono essere in possesso della equiparazione prevista dall’art. 38 comma 3 del D.Lgs. n. 165/2001. I cittadini in possesso di titoli di studio estero possono presentare domanda in attesa di equiparazione del titolo. L’equiparazione deve essere comunque posseduta al momento della eventuale assunzione. La richiesta di equiparazione deve essere rivolta al Dipartimento Funzione Pubblica – Ufficio per l’Organizzazione ed il Lavoro Pubblico. Il modulo per la richiesta e le relative istruzioni sono disponibili sul sito del Dipartimento della Funzione Pubblica: http://www.funzionepubblica.gov.it/strumenti-e-controlli/modulistica. La richiesta di equiparazione deve essere presentata entro la data di scadenza del presente bando. 

I candidati che hanno conseguito titoli di studio all’estero dovranno allegare, a pena di esclusione, nella procedura on-line, idonea documentazione attestante il riconoscimento di tali titoli richiesti ai fini dell’ammissione, in conformità della vigente normativa nazionale e comunitaria.

I requisiti prescritti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito nel presente bando per la presentazione della domanda di ammissione al concorso.

Il difetto anche di uno solo di tali requisiti comporta la non ammissione al concorso.

Contributo spese per la partecipazione al concorso
Il candidato deve allegare obbligatoriamente nella procedura on line la ricevuta del pagamento di un contributo spese, non rimborsabile, per la copertura dei costi della selezione pari a € 10,00 a favore di “Istituzioni Pubbliche di Assistenza Veneziane”, indicando nella causale: “Concorso per n. 12 Fisioterapisti n. 8-2021 cognome e nome del candidato”, da effettuarsi esclusivamente tramite bonifico bancario all’iban: IT 48 X 03069 02126 100000300152 presso Banca Intesa Sanpaolo, Via Torino, 105/A - Mestre; 30172 Venezia (Ve).
Il versamento deve avvenire, a pena di esclusione, prima della scadenza del presente bando. La ricevuta dovrà essere allegata nella procedura di candidatura on-line.

Presentazione delle domande
La domanda di partecipazione al concorso, nonché i relativi allegati, deve essere compilata on-line.
La procedura di compilazione e l’invio informatico della domanda dovranno essere completati entro, e non oltre, le ore 24:00 del 2 settembre 2021 data di scadenza del Bando, 30° giorno successivo alla data di pubblicazione per estratto del presente bando nella Gazzetta Ufficiale.
I Candidati dovranno dichiarare nella domanda, sotto la propria personale responsabilità penale in caso di dichiarazioni false ovvero riguardo le “autocertificazioni” e le “dichiarazioni sostitutive di notorietà”, secondo quanto previsto dal D.P.R. 28.12.2000, n. 445:
a) cognome e nome;
b) il luogo, la data di nascita e il codice fiscale;
c) la residenza anagrafica ed eventuale recapito cui vanno inviate le comunicazioni relative al concorso;
d) il possesso della cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti o cittadinanza di uno dei Paesi dell'Unione Europea; ai sensi dell'art. 38 del D.Lgs. n. 165/2001 e dell'art. 25, comma 2, del D.Lgs. n. 251/2007, così come modificati dall'art. 7 della L. 6.8.2013, n. 97, possono altresì partecipare al concorso:
a1) i familiari dei cittadini indicati alla lettera a) non aventi la cittadinanza italiana o la cittadinanza di uno degli Stati membri dell'Unione Europea, che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente. Per la definizione di familiare, si rinvia all'art. 2 della direttiva comunitaria n. 2004/38/CE;
a2) i cittadini di Paesi Terzi titolari di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria;
e) i cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea in possesso, oltre ai requisiti in elencazione, devono dichiarare di:
  • godere dei diritti civili e politici negli Stati di appartenenza o provenienza;
  • essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica;
  • avere adeguata conoscenza della lingua italiana;
f) il Comune ove sono iscritti nelle liste elettorali ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
g) le eventuali condanne penali riportate (anche se sia stata concessa amnistia, indulto, condono o perdono giudiziale) e gli eventuali procedimenti penali in corso ovvero l’inesistenza degli stessi;
h) la loro posizione nei riguardi degli obblighi militari, per i soli candidati di sesso maschile;
i) gli eventuali servizi prestati presso Pubbliche Amministrazioni nonché le cause di risoluzione di eventuali precedenti rapporti di impiego presso le stesse;
j) il possesso dei titoli che danno diritto a riserva, precedenze o preferenze;
k) l’idoneità psico - fisica alle specifiche mansioni del posto da ricoprire;
l) l’eventuale condizione di portatore di handicap, il tipo di ausilio per gli esami e i tempi aggiuntivi necessari;
m) il possesso del titolo di studio richiesto, con il punteggio conseguito;
n) il possesso di eventuali requisiti specifici richiesti dal bando.

La procedura informatica per la presentazione delle domande sarà attiva a partire dal giorno di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, per estratto, del presente bando, e verrà automaticamente disattivata alle ore 24.00 del giorno di scadenza. Il termine è perentorio.
Dopo tale termine non sarà più possibile provvedere alla compilazione on line della domanda di partecipazione, né sarà ammessa la produzione di altri titoli o documenti a corredo della stessa; inoltre, non sarà più possibile effettuare aggiunte o rettifiche.
La compilazione della domanda potrà essere effettuata 24 ore su 24 (salvo momentanee interruzioni per manutenzione del sito), da computer collegato alla rete internet e dotato di un browser di navigazione aggiornato, tra quelli di maggiore diffusione (Chrome, Explorer, Firefox, Safari) che supporti e abbia abilitati JavaScript e Cookie. La compatibilità con i dispositivi mobili (smartphone, tablet) non è garantita.
Si consiglia di effettuare la registrazione e la compilazione con congruo anticipo per evitare un sovraccarico del sistema, per il quale I.P.A.V. non si assume alcuna responsabilità.
Per la presentazione delle domande i candidati dovranno attenersi alle seguenti istruzioni operative:

FASE 1: REGISTRAZIONE NEL SITO AZIENDALE
I candidati dovranno accedere al link in precedenza indicato che indirizza alla piattaforma fornita dalla Società Randstad Italia spa. 
Una volta all’interno della piattaforma i candidati potranno rivedere i dettagli della posizione e i requisiti richiesti; cliccando sul tasto “Candidati ora” si aprirà il form di candidatura.
In questa sezione i candidati dovranno riportare i dati anagrafici, di recapito, di residenza e/o domicilio e dichiarare il possesso, tramite flag, dei requisiti richiesti dal bando.
Le dichiarazioni effettuate vengono rese ai sensi delle vigenti disposizioni di legge sull’autocertificazione e dell’art. 46 del D.P.R. n. 445 del 28/12/2000 con le responsabilità previste dall’art. 76 del medesimo D.P.R. in caso di dichiarazioni non veritiere.

FASE 2: ISCRIZIONE ON-LINE
  1. Dopo aver acceduto al link previsto nella fase n.1, accedere alla landing page della piattaforma, scegliere la selezione a cui candidarsi dall’elenco.
  2. Cliccare sul tasto “scopri di più”, per accedere ai dettagli della singola posizione.
  3. Cliccare su “candidati ora” per l’accesso al form di candidatura, in cui inserire i dati anagrafici, di recapito, di residenza e/o domicilio.
  4. Dichiarare, tramite flag, il possesso dei requisiti richiesti dal bando di selezione, in base alla normativa sulle dichiarazioni mendaci.
  5. Allegare i documenti necessari per completare la candidatura. I formati supportati dalla piattaforma per gli allegati sono: DOC, DOCX, PDF JPEG, JPG, PNG, TIFF, con massima dimensione consentita pari a 10MB.
  6. Fornire il consenso privacy prima di completare il processo di candidatura.
  7. Cliccare sul tasto “continua” per inviare la candidatura elettronica. Una volta inviata apparirà una schermata con la relativa conferma.
N.B: Una volta inviata la candidatura non sarà possibile modificarla. Per assistenza o eventuali integrazioni scrivere all’indirizzo mail dedicato selezione.pa@randstad.it.

8.Dopo qualche istante, si riceverà all’indirizzo indicato in fase di candidatura una e-mail con la propria domanda compilata e copia della ricevuta di ricezione; nella e-mail ci sarà l’’indicazione del codice univoco e il riepilogo delle dichiarazioni effettuate.
9. Il candidato dovrà sottoscrivere la domanda di partecipazione, con firma digitale o autografa, ed inviarla alla e-mail indicata, a pena di esclusione.

DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE DIGITALMENTE ALLA DOMANDA
La procedura telematica di presentazione della domanda richiede di effettuare la scannerizzazione e l’upload (termine con cui si indica l’azione di trasferimento di un file dal proprio PC su un web server) esclusivamente dei seguenti documenti:
  1. fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità, con firma visibile, anche per quelle sottoscritte con firma digitale;
  2. la ricevuta di pagamento di un contributo spese, non rimborsabile, pari a € 10,00;
  3. i documenti comprovanti i requisiti generali di cui al paragrafo “Requisiti generali per l’ammissione” che consentono ai cittadini non italiani e non comunitari di partecipare al presente concorso;
  4. adeguata certificazione medica rilasciata da Struttura Sanitaria abilitata, comprovante lo stato di disabilità che indichi, solo nel caso in cui il candidato intenda avvalersi di tale beneficio, l’ausilio necessario in relazione alla propria disabilità e/o la necessità di tempi aggiuntivi per l'espletamento della prova d'esame, ai sensi dell'art. 20 della L. n. 104/1992;
  5. idonea documentazione, comprovante lo stato di invalidità uguale o superiore all’80% ai fini della richiesta di esonero dalla prova preselettiva, solo nel caso in cui il candidato intenda avvalersi di tale beneficio;
  6. la documentazione che attesti il riconoscimento dei titoli di studio conseguiti all’estero, necessari all’ammissione;
  7. la documentazione che attesti l’equiparazione dei servizi svolti all’estero;
  8. documentazione provante ai fini della valutazione dei titoli.
L’upload dovrà essere effettuato cliccando l’icona “Aggiungi allegato”, considerata la dimensione massima prevista nel format.
I formati supportati dalla piattaforma per gli allegati sono: DOC, DOCX, PDF, JPEG, JPG, PNG, TIFF, con massima dimensione consentita pari a 10MB.
I candidati verranno ammessi alle prove concorsuali con riserva, resta ferma la facoltà della Commissione e/o del Servizio Gestione Risorse Umane di disporre con provvedimento motivato, in qualsiasi momento della procedura concorsuale, l’esclusione dal concorso, per difetto dei prescritti requisiti, per la mancata o incompleta presentazione della documentazione prevista o in esito alle verifiche richieste dalla medesima procedura concorsuale.
L’Ufficio Risorse Umane provvede all'esame delle domande pervenute effettuando il riscontro del possesso da parte dei candidati dei requisiti richiesti nonché della loro regolarità a termini del bando, anche per quanto attiene alla documentazione prescritta.
Nel caso in cui dall’istruttoria risultino omissioni o imperfezioni nella domanda e/o nella documentazione, il concorrente viene invitato a provvedere al loro perfezionamento; i candidati succitati riceveranno comunicazione della richiesta di integrazione, con indicazione della motivazione, tramite pubblicazione nella Sezione Concorsi del sito web dell’Ente che sostituisce, a tutti gli effetti, ogni comunicazione in merito. In alternativa potrà essere inviata comunicazione scritta tramite PEC o raccomandata A/R.

Procedura di preselezione
I.P.A.V., in base al numero delle domande pervenute, si riserva la facoltà di effettuare una preselezione, con l’eventuale ausilio di aziende specializzate in preselezione del personale.
La preselezione avverrà tramite la valutazione dei titoli legalmente riconosciuti ai fini dell'ammissione alle successive fasi concorsuali, come previsto dal D.L. 44 del 1° aprile 2021.
L’esito della preselezione sarà comunicato ai candidati mediante pubblicazione sul sito internet di I.P.A.V. www.ipav.it nella sezione Amministrazione Trasparente – Bandi di concorso.
Il risultato conseguito non concorre alla formazione del punteggio finale di merito.
I candidati, che avranno superato la preselezione e in possesso dei requisiti di ammissione, saranno convocati alla prima prova del concorso pubblico con le modalità previste al successivo paragrafo.
Il candidato che si trovi nella condizione prevista dall’art. 20, comma 2 bis, della L. n. 104/1992, come modificato dal D.L. n. 90/2014 convertito con L. n. 114/2014, il quale stabilisce che “la persona affetta da invalidità uguale o superiore all’80% non è tenuta a sostenere la prova preselettiva”, deve formulare richiesta di esonero dalla preselezione, direttamente nella procedura on-line e allegare idonea documentazione, comprovante lo stato di invalidità uguale o superiore all’80%.
Accertata la sussistenza del diritto, e dopo la verifica del possesso dei requisiti generali e specifici, il candidato sarà ammesso direttamente alle prove concorsuali. La mancata richiesta comporta l’impossibilità di usufruire del diritto di esonero dalla preselezione.

Ammissione e modalità di convocazione alle prove d'esame
L’Ente provvede all’esame delle domande pervenute; la mancata ammissione sarà notificata agli interessati entro trenta giorni dalla sua esecutività esclusivamente mediante pubblicazione nel sito web di I.P.A.V. nella sezione Amministrazione Trasparente – Bandi di concorso.
L’elenco degli ammessi provvisoriamente sarà comunicato esclusivamente mediante pubblicazione nel sito web di I.P.A.V www.ipav.it nella sezione Amministrazione Trasparente – Bandi di concorso.
Il diario delle prove del concorso e la sede di espletamento delle stesse, verranno comunicate ai candidati esclusivamente mediante pubblicazione nel sito web di I.P.A.V. almeno 15 (quindici) giorni prima della prova scritta e 20 (venti) giorni prima della prova orale.
Tale pubblicazione avrà valore di notifica a tutti gli effetti.
I candidati sono pertanto tenuti a controllare periodicamente il sito istituzionale di I.P.A.V.

Commissione esaminatrice e prove d'esame
La Commissione Esaminatrice del presente concorso sarà costituita in conformità ai sensi dell’art. 35 del D.Lgs. n. 165/2001 e al vigente Regolamento sull'ordinamento degli uffici e dei servizi, di cui all’art. 17.
Ove i candidati siano in numero superiore a 500, potranno essere nominate, unico restando il presidente, una o più sottocommissioni, nella stessa composizione della commissione del concorso.
Come previsto dal D.L. 44 del 1° aprile 2021 è previsto l'espletamento di una sola prova scritta e di una prova orale.
La Commissione ha a disposizione 62 punti per la valutazione delle prove di esame e dei titoli così ripartiti: 
PROVA SCRITTA: punti 30;
PROVA ORALE: punti 30;
TITOLI: punti 2.

Le prove d'esame sono finalizzate a verificare le conoscenze e le capacità possedute e ritenute necessarie per lo svolgimento della mansione richiesta; le prove verteranno sulle seguenti materie:
  • Teoria e pratica riabilitativa;
  • Regolamentazione professionale e legislazione sanitaria;
  • Formazione della professione sanitaria;
  • principi del Sistema Socio Sanitario Regionale del Veneto;
  • elementi di legislazione socio sanitaria regionale, in materia di organizzazione dei servizi residenziali e semi-residenziali per anziani non autosufficienti e stati vegetativi;
  • codice deontologico del fisioterapista;
  • codice di comportamento dei dipendenti pubblici (D.P.R. n. 62/2013);
  • cenni in materia di privacy e GDPR.
Nello specifico le prove di esame sono le seguenti:

PROVA SCRITTA:
potrà consistere nella stesura di un elaborato, nella soluzione di quesiti a risposta sintetica su materie attinenti al profilo professionale messo a concorso, nella risoluzione di un caso concreto o nella redazione/ elaborazione di un progetto d’intervento del fisioterapista. 
 
PROVA ORALE: 
verterà sull’approfondimento delle materie previste dal presente bando.

Nell’ambito della prova orale sarà accertata la conoscenza della lingua inglese e la conoscenza dell’uso di apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse.
Non devono essere prodotti certificati rilasciati dalle Pubbliche Amministrazioni.

La Commissione potrà essere integrata da membri aggiunti per l’accertamento della conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse e della lingua straniera.
L'ammissione alle prove è subordinata al riconoscimento dei candidati da parte della Commissione Esaminatrice mediante esibizione di valido documento di identità personale.

Il superamento delle prove - scritta e orale - è subordinato al raggiungimento di una valutazione espressa in termini numerici di almeno 21/30 per ciascuna prova.
La prova orale si svolgerà in un'aula aperta al pubblico oppure verrà svolta in videoconferenza, garantendo comunque l'adozione di soluzioni tecniche che ne assicurino la pubblicità, l'identificazione dei partecipanti, la sicurezza delle comunicazioni e la loro tracciabilità, nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali e nel limite delle pertinenti risorse disponibili a legislazione vigente; ai concorrenti ammessi alla prova orale verranno comunicati i requisiti tecnici necessari per il collegamento.

Per sostenere ciascuna prova i candidati dovranno essere muniti di un valido documento di riconoscimento.

I candidati che, per qualsiasi motivo, non si presentino a sostenere le prove di concorso nei giorni, nell'ora e nella sede stabilita, saranno dichiarati rinunciatari al concorso stesso, qualunque sia la causa dell’assenza, anche se non dipendente dalla volontà dei singoli concorrenti.
Al termine delle prove d'esame, la Commissione Esaminatrice formula le graduatorie dei candidati idonei. Il punteggio finale è ottenuto dalla somma della media dei punteggi, conseguiti nelle prove - scritta e pratica - con la valutazione dei titoli e con il punteggio conseguito nella prova orale, con l’osservanza, a parità di punteggio, delle preferenze di cui al successivo articolo.

Valutazione dei titoli
Ai sensi dell’art. 22, comma 2, del Regolamento succitato, la valutazione dei titoli individuati per il presente concorso prevede la seguente ripartizione:
Titoli vari Massimo punti 2
Master I livello, attinente all’ambito delle mansioni di fisioterapista, per il cui accesso sia stato richiesto uno dei titoli di studio universitari richiesti per l’ammissione al concorso, ai sensi  dell’art. 3, comma 9, del D.M. 270/2004 – 0,5 punti ciascuno;
Master II livello, attinente all’ambito delle mansioni di fisioterapista, per il cui accesso sia stato richiesto uno dei titoli di studio universitari richiesti per l’ammissione al concorso, ai sensi  dell’art. 3, comma 9, del D.M. 270/2004 – 1 punto ciascuno.
Per la valutazione dei servizi svolti all’estero i candidati dovranno allegare idonea documentazione attestante il riconoscimento, in conformità della vigente normativa nazionale e comunitaria. Diversamente i servizi non potranno essere valutati.
Il risultato della valutazione dei titoli sarà reso noto ai candidati prima dell’effettuazione della prova orale.

Graduatoria - titoli di precedenza e preferenza
La Commissione esaminatrice forma la graduatoria di merito, il Segretario Direttore Generale di I.P.A.V. prende atto dei verbali rimessi dalla Commissione esaminatrice e approva con decreto la graduatoria di merito, e, nei limiti dei posti messi a concorso, dichiara i vincitori.
I.P.A.V. provvede alla pubblicazione nel sito internet www.ipav.it la graduatoria di merito, comprensiva dei vincitori e degli idonei. Le comunicazioni in ordine all’esito della procedura concorsuale saranno date ai candidati esclusivamente mediante la pubblicazione della graduatoria di merito nel sito web aziendale nella sezione Amministrazione Trasparente – Bandi di concorso.
La graduatoria ai sensi del D.Lgs. n. 165/2001 rimangono efficaci per un termine di due anni dalla data della pubblicazione per eventuali coperture di posti per i quali il concorso è stato bandito e che, successivamente ed entro tale data, dovessero rendersi disponibili.
La graduatoria, formulata come sopra indicato, può essere utilizzata da altre pubbliche amministrazioni.
L’assunzione in servizio a tempo indeterminato comporta l’obbligo di permanenza alle dipendenze di I.P.A.V. per un periodo di cinque anni, in conformità all’art. 35 del D.Lgs. n. 165/2001.
Ai sensi dell’art. 36, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, la graduatoria di concorsi a tempo indeterminato può essere utilizzata per assunzioni a tempo determinato, ferma restando la posizione del candidato nella graduatoria a tempo indeterminato. La rinuncia all’assunzione a tempo determinato da parte dei candidati collocati nelle graduatorie di concorso per assunzione a tempo indeterminato, non comporta la decadenza dalla stessa.
Le categorie di cittadini che nei pubblici concorsi hanno preferenza a parità di merito e a parità di titoli, sono appresso elencate. A parità di merito i titoli di preferenza sono:
a) gli insigniti di medaglia al valore militare;
b) i mutilati e invalidi di guerra ex combattenti;
c) i mutilati ed invalidi per fatto di guerra;
d) i mutilati ed invalidi per servizio nel settore pubblico e privato;
e) gli orfani di guerra;
f) gli orfani dei caduti per fatto di guerra;
g) gli orfani dei caduti per servizio nel settore pubblico e privato;
h) i feriti in combattimento;
i) gli insigniti di croce di guerra o di altra attestazione speciale di merito di guerra, nonché i capi di famiglia numerosa;
l) i figli dei mutilati ed invalidi di guerra ex combattenti;
m) i figli dei mutilati e degli invalidi per fatto di guerra;
n) i figli dei mutilati e degli invalidi per servizio nel settore pubblico e privato;
o) i genitori vedovi non risposati e le sorelle e i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per fatto di guerra;
p) i genitori vedovi non risposati e le sorelle e i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per fatto di guerra;
q) i genitori vedovi e non risposati e le sorelle e i fratelli vedovi o non sposati dei caduti per servizio nel settore pubblico e privato;
r) coloro che abbiano prestato servizio militare come combattenti; 
s) coloro che abbiano prestato lodevole servizio a qualunque titolo, per non meno di un anno nell’amministrazione che ha indetto il concorso;
t) i coniugati e i non coniugati con riguardo al numero dei figli a carico;
u) gli invalidi e i mutilati civili;
v) militari volontari delle Forze armate congedati senza demerito al termine della ferma o rafferma.

A parità di merito e di titoli, la preferenza è determinata:
a) dal numero dei figli a carico, indipendentemente dal fatto che il candidato sia coniugato o meno;
b) dall'aver prestato lodevole servizio nelle amministrazioni pubbliche;
c) dalla minore età (art. 2 comma 9, L. n. 191/1998).

Variazione di domicilio e recapito
Il candidato dovrà comunicare le eventuali variazioni di domicilio, recapito o indirizzo di posta elettronica certificata che si verifichino durante la procedura selettiva e fino all'approvazione della rispettiva graduatoria di merito, al seguente indirizzo e-mail: info@ipav.it o PEC: info@pec.ipav.it precisando il riferimento del concorso al quale si è partecipato.
L'Amministrazione declina sin d'ora ogni responsabilità per dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatte indicazioni del recapito da parte degli aspiranti, o da mancata oppure tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, o per eventuali disguidi non imputabili a colpa dell'Amministrazione stessa o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

Informativa ai sensi della disciplina sulla tutela dei dati personali
I.P.A.V. – Istituzioni Pubbliche di Assistenza Veneziane in qualità di titolare del trattamento dei dati personali (di seguito “Titolare” e “Struttura”), rilascia la presente informativa al candidato (di seguito anche “Interessato”) nel rispetto della disciplina europea e italiana in materia di protezione dei dati personali.
Il Titolare ha nominato un responsabile della protezione dei dati (DPO), che l’Interessato potrà contattare scrivendo al seguente recapito: info@ipav.it.

Finalità e base giuridica del trattamento
I Suoi Dati personali sono trattati dall’Ente per finalità connesse o strumentali allo svolgimento dell’attività di ricerca e selezione dei candidati. Il trattamento, necessario all’esecuzione di misure precontrattuali adottate su Sua richiesta, è improntato ai principi di correttezza, liceità, trasparenza e di tutela della sua riservatezza e dei suoi diritti; il Suo consenso è necessario solo qualora Lei comunichi dati personali appartenenti a categorie particolari (ad esempio, appartenenza a categorie protette o adesione a sindacati).

Periodo di conservazione dei dati
I Suoi Dati personali sono utilizzati per le attività di selezione e saranno conservati per un massimo di 24 mesi. Decorso tale termine di conservazione, i Suoi Dati saranno distrutti o resi anonimi.

Natura del conferimento dei dati e conseguenze in caso di rifiuto
Il conferimento dei dati è necessario per dar seguito alla finalità di cui sopra, poiché in mancanza l’Ente non sarebbe in grado di valutare il Suo profilo.

Categorie di destinatari
Esclusivamente per le finalità sopra specificate, tutti i dati raccolti ed elaborati potranno essere comunicati a figure interne autorizzate al trattamento in ragione delle rispettive mansioni, nonché alle seguenti categorie di soggetti esterni:
altri enti pubblici o terzi eventualmente coinvolti nei processi di selezione del personale;
professionisti o società di servizi che operino per conto dell’Ente;
studi medici in adempimento degli obblighi in materia di igiene e sicurezza del lavoro;
Tali destinatari, ove dovessero trattare dati per conto della nostra Società, saranno designati come responsabili del trattamento, con apposito contratto o altro atto giuridico.

Trasferimento dati verso un paese terzo e/o un’organizzazione internazionale
I Suoi dati personali non saranno oggetto di trasferimento presso Paesi Terzi non europei.

Diritti degli interessati 
L’interessato ha il diritto di chiedere al Titolare di accedere ai propri dati personali e di rettificarli se inesatti, di cancellarli o limitarne il trattamento se ne ricorrono i presupposti, di opporsi al loro trattamento per legittimi interessi perseguiti dal Titolare, nonché di ottenere la portabilità dei dati personalmente forniti solo se oggetto di un trattamento automatizzato basato sul consenso o sul contratto. L’interessato ha, altresì, il diritto di revocare il consenso prestato per le finalità di trattamento che lo richiedono, ferma restando la liceità del trattamento effettuato sino al momento della revoca.
Per esercitare i propri diritti, l’Interessato può utilizzare il modulo disponibile al link https://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/1089924 e inoltrarlo al seguente recapito: info@ipav.it 
L’Interessato ha anche il diritto di proporre reclamo all’autorità di controllo competente in materia, Garante per la protezione dei dati personali (www.garanteprivacy.it).

Disposizioni finali
Ai sensi dell’art. 5 della Legge 7 agosto 1990, n. 241, il Responsabile del Procedimento è il Dott. Luca Brussato, Responsabile Servizio Gestione Risorse Umane, con sede in San Marco 4301, Venezia.
Per informazioni, è possibile contattare l’Ufficio Gestione Risorse Umane nei seguenti orari:
il lunedì, dalle ore 10.00 alle ore 12.00 ed il giovedì, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 ai numeri 041-5217441 o 462 o 427; indirizzo e-mail: risorseumane@ipav.it.
L'accesso agli atti è consentito ai sensi della L. n. 241/1990 e secondo le modalità del vigente regolamento dell’ente in materia di diritto di accesso concluso il procedimento amministrativo.
Ai sensi dell’art. 71 del D.P.R. n. 445/2000, I.P.A.V. procederà ad effettuare i controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive di cui al citato DPR, fermo restando che spetta all’Ente interessato provvedere autonomamente a porre in essere tutti gli atti e le verifiche funzionali alle assunzioni. Qualora dai suddetti controlli emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni rilasciate, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguiti.
I.P.A.V. si riserva la possibilità di riapertura dei termini in caso di domande insufficienti a coprire il fabbisogno delle aziende richiedenti il concorso, o per ragioni di pubblico interesse, ferme restando le condizioni e i requisiti previsti dal presente bando. Inoltre, ha la facoltà, in regime di autotutela, di sospendere, revocare o modificare il presente concorso, per ragioni di pubblico interesse, o per disposizioni di legge sopravvenute.

il bando completo è visibile sul sito istituzionale di IPAV.

I candidati ambosessi (L.903/77) sono invitati a leggere l’informativa sulla privacy ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 sulla protezione dei dati (GDPR).
per ricevere supporto tecnico è possibile scrivere a selezione.pa@randstad.it mettendo come oggetto: "Fisioterapista - IPAV"
RANDSTAD ITALIA S.P.A.

Sede Legale: Via R. Lepetit n. 8/10 - 20124 Milano
Partita IVA n. 10538750968
Codice Fiscale n. 12730090151
Numero di iscrizione presso il Registro delle Imprese di Milano n. 12730090151
Repertorio Economico Amministrativo (REA) n. 1581244
Capitale Sociale Euro 27.110.320,00 i.v.
Direzione e Coordinamento Randstad Holding NV
Aut. Min. e iscr. Albo Agenzie per il Lavoro n° 1102-SG del 26/11/04